• Gilbert & Gaillard premia CorteBianca

    Valutazioni positive, buone schede di degustazione e punteggi di ottimo livello continuano ad arrivare da critici e guide. È così anche per "The world wine signature" il volume dei francesi Francois Gilbert e Philippe Gaillard, dedicato al meglio dell'enologia transalpina e internazionale, pubblicazione che, insieme all'omonima rivista, riserva particolare attenzione ai vini biologici e biodinamici.

    Nella sezione dedicata alla Franciacorta, fanno ingresso le nostre tre referenze e il punteggio ottenuto - 89/100 per l'Extrabrut e 88/100 per Satén e Rosè - pongono le etichette di CorteBianca tra i vini di grande qualità. Infatti, essere collocati tra gli ottantacinque e gli ottantanove centesimi significa presentare "uno standard estremamente alto" e riuscire a convincere i degustatori "per la tipicità e il carattere" dei propri vini.

    E inoltre dalle schede di degustazione, consultabili on line qui, arrivano nuovi suggerimenti sugli abbinamenti. Dalla Francia ci consigliano il matrimonio tra Rosé e coniglio e tra Satèn e crudo di pesce. Mentre per l'ExtraBrut l'indicazione è di esaltarne "l'originalità", servendolo insieme a un vero classico d'oltralpe, la scaloppa di foie gras.

  • CorteBianca da Taste a Prowein

    Si è chiusa pochi giorni fa la seconda partecipazione di CorteBianca a “Taste”, il salone fiorentino dedicato alle eccellenze del gusto e del food lifestyle organizzata da Pitti Immagine, nato da un’idea del “Gastronauta” Davide Paolini.

    Manifestazione di successo anche quest’anno: 14 mila i visitatori e uno spazio dedicato ai buyer, oltre 3.500, provenienti da 40 Paesi. “Nel nostro stand sono passate davvero tantissime persone e sono stati molti gli operatori di settore che hanno degustato i nostri vini – spiega Marina – e anche le nostre bottiglie affidate allo shop, erano una sessantina, sono state tutte acquistate dai visitatori. E la cosa che ha colpito molto me e Mauro è stato il vero successo del nostro Rosé. Di certo la referenza più apprezzata e richiesta”. Osservazione confermata anche dai risultati commerciali ottenuti dai Rosé Franciacorta sul mercato nazionale e internazionale: più 50% nel 2012.

    Mentre la prossima settima Cortebianca farà il suo esordio internazionale, partecipando a Prowein, la più importante manifestazione tedesca dedicata a vini e liquori, in programma a Dusseldorf dal 24 al 26 marzo. Partecipano all’evento quasi 4 mila aziende di 50 Paesi, lo scorso anno più di 50 mila visitatori. La fiera offre uno spazio importante ai vini naturali, biologici e biodinamici e CorteBianca presenterà a Dusseldorf i suoi Extrabrut, Saten e Rosé, in uno stand (Hall 3 – C89) ospitato nello spazio del Consorzio Franciacorta.

Crediamo che esista un filo invisibile e forte che, come un antico pizzo, unisce le persone, gli animali, le piante, la storia e la cultura di un luogo in un profondo legame di armonia.

Filosofia CorteBianca Filosofia CorteBianca

Produrre vino in modo naturale è per noi seguire gli intrecci di questo filo, a partire da un angolo di Franciacorta, con il sogno di preservare e difendere un microcosmo, nel rispetto della sua natura e della sua anima.

Filosofia CorteBianca Filosofia CorteBianca

Intorno a questo concetto ruota tutta la filosofia di CorteBianca. Dalle tecniche biologiche di coltivazione, alla protezione della biodiversità, fino al recupero della cascina secondo principi di bioedilizia e sostenibilità: ogni scelta compiuta in questi anni testimonia il legame con la terra, con la tradizione e un'antica domesticità, e rappresenta una precisa visione, etica ed estetica insieme.

Filosofia CorteBianca