• Rosé e Satèn. Presentazione in corte

    Finalmente è arrivato il momento. Il 29 maggio, la cascina e i vigneti di CorteBianca ospiteranno la prima degustazione ufficiale dei nuovi CorteBianca Rosé e Satèn, accompagnati da una selezione accurata di prodotti tipici del territorio. Il pane di Luca Magri di Erbusco, il salame di Montisola, la Slinzega e la carne salata della Valcamonica di Roberto Forchini, i formaggi camuni di Sonia Spagnoli e i salumi di “Stan Sal” di Iseo, le creazioni casearie affinate dalla famiglia Perolari, il “gelato della Bottega” di Provaglio e, per l’occasione, il miele, l’olio e le fragole made in  CorteBianca: tutto il meglio della Franciacorta e del suo territorio circostante per rendere ancora più intensa e completa l’esperienza della degustazione.

    Alla presentazione interverranno il “Gastronauta” Davide Paolini, Andrea Grignaffini di “Spirito diVino”, Giorgio Melandri de il “Gambero Rosso” e Leonardo Valenti, l’enologo di CorteBianca, che illustreranno le caratteristiche dei vini e gli accostamenti più indicati. A finire, una visita ai vigneti, con la guida d’eccezione di Leonardo Valenti e del nostro agronomo, Pierluigi Donna.

  • FuoriSalone 2012. Un Brindisi con CorteBianca nel Secret Garden

    Un luogo magico e incantato, nel cuore di Milano e al tempo stesso lontanissimo dalla frenesia metropolitana, due dei marchi più prestigiosi dell’eccellenza manifatturiera italiana, l’allestimento a cura di Zaha Hadid e Paola Navone, Signore del design internazionale e, ad accompagnare l’evento, il nostro Franciacorta biologico. L’opening di  “The Secret Garden” all’orto botanico di Brera è stato un vero successo, in tutti i sensi, e ha ben rappresentato una ricerca condivisa di una qualità senza compromessi.

    Nelle mani di giornalisti, architetti, designer e di tutto il variegato popolo del FuoriSalone, i calici di CorteBianca hanno aggiunto una nota di piacere sensoriale a un percorso visivo sorprendente. Per CorteBianca, molto apprezzato dagli invitati, questo evento è stato anche l’ulteriore conferma di una scelta di campo: dalla location “naturale”, agli allestimenti suggestivi e rispettosi del luogo, alla assoluta raffinatezza e stile dei prodotti presentati, ogni elemento infatti è perfettamente coerente con una scelta biologica ai massimi livelli di qualità..

    Nella foto: Zaha Hadid con Marina Tonsi all'Orto Botanico di Brera

Crediamo che esista un filo invisibile e forte che, come un antico pizzo, unisce le persone, gli animali, le piante, la storia e la cultura di un luogo in un profondo legame di armonia.

Filosofia CorteBianca Filosofia CorteBianca

Produrre vino in modo naturale è per noi seguire gli intrecci di questo filo, a partire da un angolo di Franciacorta, con il sogno di preservare e difendere un microcosmo, nel rispetto della sua natura e della sua anima.

Filosofia CorteBianca Filosofia CorteBianca

Intorno a questo concetto ruota tutta la filosofia di CorteBianca. Dalle tecniche biologiche di coltivazione, alla protezione della biodiversità, fino al recupero della cascina secondo principi di bioedilizia e sostenibilità: ogni scelta compiuta in questi anni testimonia il legame con la terra, con la tradizione e un'antica domesticità, e rappresenta una precisa visione, etica ed estetica insieme.

Filosofia CorteBianca